DONNA OGGETTO O SOGGETTO?

Forse risulterò impopolare in questo momento ma credo che ci sia un po’ di confusione.
Virginia Woolf, una delle madri del femminismo diceva ” occorre pensare a metodi nuovi e a un modo nuovo di guardare la realtà” nel senso, secondo me, che occorre un nuovo punto di vista, un differente punto di vista…di “genere” differente; le donne non pensano come gli uomini, in quanto hanno un “differente” modo di pensare.

Parlando dell’Italia e per non farla troppo lunga e tralasciando pezzi importanti di storia delle donne (che comunque se vogliamo approfondire sono a disposizione), faticosamente si è arrivato al diritto di voto alle donne, diritto di istruzione per le donne, minore sfruttamento nei posti di lavoro.
Cioè le donne hanno acquisito dei diritti civili, è in qualche modo iniziato un cammino che ha portato (?) alla parità di diritti fra uomini e donne.
Purtoppo millenni di storia in cui ci vedevano in una condizione subalterna e al servizio dell’uomo non si stravolgono in un secolo di storia e quindi avviando un’analisi si è iniziato intorno agli anno 80 circa a lavorare per cercare di attuare “le pari opportunità”. Cioè si è cercato di lavorare per rimuovere quegli ostacoli che non permettono la piena “opportunità” nel mondo civile fra uomini e donne; ad esempio nei luoghi di lavoro, nella rappresentanza in politica….
Quindi si sono istituite le commissioni, l’assessorato, il ministero delle pari opportunità e successivamente si è iniziato a parlare di “quote rose” all’interno delle liste elettorali.
Volevo arrivare prorpio qui
Io credo che il “punto di vista differente” debba essere presente nella società civile in termini anche di rappresentanza.
Ma le donne, come gli uomini la pensano in modo diverso fra loro; non è che una donna in quanto donna mi rappresenta e quindi basta che ci sia una donna nelle liste per rappresentarmi. Ci sono, così come per gli uomini, donne di destra e di sinistra, donne comuniste e donne (aimè) fasciste; e quindi non tutte mi rappresentano.
Io vorrei che le donne crescessero e crescessero dentro la società; di conseguenza crescerebbero dentro le liste e le loro esigenze e difficoltà si farebbero sentire di piu’ nella società.
Non mi interessa di raggiungere il 50% donna nelle liste (ed è qui che sono impopolare) se questo 50% è composto da veline o donne oggetto (forse qui spero di essere meno impopolare); a quel punto preferisco un uomo che lotta iniseme a me, donna, per il pieno raggiungimento dei miei diritti.
Non mi interessa di continuare ad essere un oggetto…da “donna oggetto” a “rappresentanza oggetto”! Non mi sentirò piu’ oggetto quando la mia voce viene ascoltata da donne E uomini che stanno dentro le istituzioni e i partiti.
Un saluto, ovviamente a pugno chiuso!

isabella marchino

Annunci

3 pensieri su “DONNA OGGETTO O SOGGETTO?

  1. eppure il fallico pulpito s’addice più ai maschietti…
    hai notato come donne che non si sentono di dire niemte in contesti di contingentamento temporale+palchetto da prete se si mettono in cerchio parlano per ore degli stessi argomenti…. e hai notato l’eroico homo da pulpito come s’azzitta alla tavola rotonda?
    (ve?) tocca (de?) trova’ altre forme della politica se volete ‘permettivi di pareggiare coll’omo’ (berlinguer ti voglio bene)

  2. Il punto fondamentale del ragionamento è che la donna continua ad essere oggetto anche nella campagna elettorale.
    “Bisogna mettere le donne in lista” ossia “Candidati tu che sei donna, e ci servono le donne”…
    Capisco che il geneere femminile porta per sua natura un punto di vista differente, però perchè candidare donne meno preparate degli uomini, solo perchè donne? Per non parlare delle donne veline, ma lì neanche mi addentro, perchè lì la donna è “duplice oggetto” (oggetto di piacere e oggetto di rappresentanza”)…e le piace essere oggetto…Ma qui il discorso diventa complesso…

    1. Un saluto al sito gemello e alla compagna Isabella dal fronte transalpino.
      Quanto all’identitá logico-sintattica della Donna, dico la mia:
      né di soggetto né di oggetto, bensí di moto a luogo si tratta.
      In buona sostanza, per esperienza personale e con riferimento al giá citato Dibattito http://www.youtube.com/watch?v=zTXraeni3XI mi trovo a convenire con l’ultimo intervento.
      Cicci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...